La malaria

La malaria è la malattia parassita più comune e più pericolosa che si verifica nei tropici. Di malaria ogni anno muoiono intorno tre milioni di persone, soprattutto i neonati e bambini piccoli. Ci sono cento paesi che fanno parte di zone a rischio di malaria, principalmente sono paesi dell'Africa centrale, dell'Asia meridionale e di Oceania.

Per la diffusione della malaria sono responsabili zanzare tipo Anofele, di quali ci sono circa ottanta specie, ma anche le scimmie, uccelli e roditori posso portarla. Favorevoli condizioni naturali per le zanzare, cioè l'umidità relativa media del 60 per cento e la temperatura all'interno di 15-35 gradi di Celsius fanno si che riescono moltiplicarsi senza problemi.

La malaria

E possibile di infettarsi in stesso modo come  l'AIDS cioè attraverso il contatto con il sangue di persona infetta. Seconda del parassita, che entra nel corpo umano, si sviluppa un diverso tipo di malaria. Ci sono quattro tipi di Plasmodium: ovale, vivax, malariae, falciparum - questo ultimo è più pericoloso, perché porta la maggior parte delle complicanze e la più alta mortalità.

Una volta morso dalla zanzara, nell sistema di circolazione del sangue umano entrano questi parassiti, che si annidano nelle cellule del fegato dove si moltiplicano. Tempo di incubazione dipende dal tipo di Plasmodium e dura fino a 30 giorni, ma può accadere che ci ammaleremo anche dopo 2 anni di morso. I primi sintomi della malaria possono essere osservati dopo circa sette giorni, possono assomigliare semplice rafreddore. Tutto inizia con un alzamento della temperatura corporea, brividi, mal di testa e nausea. La malaria può portare fino alla anemia, ittero, insufficienza renale, malaria cerebrale, rottura della milza e naturalmente fino a morte. A causa di sintomi simili ad altre malattie, in caso delle persone che vivono fuori delle zone di malattia, e riconosibile molto tardi. Pertanto, durante l'anamnesi è necessario informare a proposito di viaggi nelle zone minacciate del mondo. La malaria è trattabile, la durata e tipo di trattamento dipende dal ceppo della malattia.

Per combattere la malaria, profilassi fa un gran ruolo, ma per la causa delle condizioni economico-politiche delle zone di diffusione di malaria, miliaia di persone continuano di morire per colpa sua. Per combattere questa piaga in modo tempestivo basterebbe usare spray e distribuire alla gente dei farmaci antimalarici durante il tempo giusto di allevamento delle zanzare che portano la malaria. La cosa peggiore è che la malaria sta continuamente mutando e diventando sempre più resistente a farmaci, che la trattano, ad esempio clorochina. Fin'ora, purtroppo non esiste un vaccino antimalarico.